I happen to have read only now Jeremy Bernstein‘s review of Emilio Segrè’s autobiography, published by his wife in 1993. (Exact bibliography below).

I am baffled.

  • Says Bernstein: “Much of the last part of Segrè’s book concerns his complex and often hostile relationships with other scientists, including Lawrence, J. Robert Oppenheimer, and the chemist Glen Seaborg”

This isn’t exactly true. The three individuals quoted by Bernstein are exceptions. Segrè talks about dozens of colleagues with whom he had friendly and professionally fulfilling relationships, often for life, including Enrico Fermi, Edoardo Amaldi, Franco Rasetti, Cornelius Bakker, Felix Bloch, Carl Helmholz, Hans Bethe, Rudolf Peierls, George Placzek, Otto Hahn, Carlo Perrier, Lorenzo Emo, Ginetta Barresi, Gian Carlo Wick, Ugo Fano, Clyde Wiegand.

coverJust a few colleagues left signs on Segrè that were not only positive. One is Glen Seaborg:

Seaborg […] had iron discipline, a lively and highly systematic mind, immense persistence, exceptional endurance for work, and a sincere, open-minded interest in science. He was a superb organizer but was not too strong in physics or instrumentation. At the beginning of our collaboration, I probably remembered my much earlier experience with Bakker at Zeeman’s laboratory in Holland, when I, a newcomer, and he, the local boy, greatly helped each other and became steadfast friends. Little did I recognize Seaborg’s unbridled ambition and his unshakable determination to succeed and to be preeminent.

[…] What was unusual in Seaborg was the long-term planning he diligently applied to everything. In 1941 he would say: in 1946 I shall be a dean; in 1948, chancellor of the University of California; in 1955, senator for California, and so on, and he never lost sight of his aims. In 1938 he always dressed in a blue suit, with a tie, differently from his colleagues, because he thought that these clothes would help him become a full professor, a small first step in the grand design.

  • Bernstein says that In Palermo Segrè made the one important discovery that was basically his own“. He means that of technetium, the first artificially produced chemical element in history (although it was later proved that it also exists in nature).

Surprisingly, here Bernstein seems eluded by the awareness that, from nuclear physics onward, very few discoveries, if any, were made by one person on their own, and most notably in experimental physics. In that of technetium (of which Fermi said it was the best piece of work in physics of the year), Segrè had the greater part but always cited Carlo Perrier as the co-author.

Furthermore, Bernstein himself dwells on Segrè’s suspicions about some Seaborg’s appropriations, which for example caused Segrè’s disappointment when the 1951 Nobel on the “discovery in the chemistry of transuranic elements” went only to Seaborg and McMillan (Segrè had collaborated with Seaborg and experimented on transuranics with Fermi as early as in 1934).

On the contrary, Segrè never attributed only to himself neither the discoveries concerning plutonium and its properties nor the confirmation of the antiproton, and he always quoted his teams in alphabetical order: see for example his Nobel Biography (these are always self-written).

  • Noting Segrè’s and Oppenheimer’s lack of reciprocal unbound admiration, Bernstein contends that Segrè’s name will be but a footnote in the history of physics, while Oppenheimer is “one of the greatest teachers of physics who ever lived, as well as a first-rate physicist”.

This comparison seems odd to me. As a reader of both Segrè’s autobiography and Monk’s biography of Oppenheimer’s, I have the impression that the two men did not go too well together for reasons purely epidermic and personal, not professional or scientific.

For example, in their early years at Berkeley, Oppenheimer thought that Segrè was a fascist, and Segrè despised Oppie’s communist ‘faith’. Furthermore, Segrè is one of those who found Oppenheimer to be often showing off his culture, which did not appear to Segrè as being the portent sometimes described. Let’s recall that Segrè too came from a well-to-do family who educated him at the highest standards: he was taught English, German and French as a toddler, went to the austere ‘Mamiani’ ginnasio-liceo in Rome, and at the university was picked as his first-ever pupil by Fermi (a man who will tutor an exceptional number of extremely talented scientists including 8 Nobels).

As the Berkeley obituary reads: “[…] Segrè is also remembered as a man of unusual literary erudition and culture, sharp wit, artistic intelligence, and broad outlook on life. […] In addition, Segrè had the endowment of a historian: an excellent memory, a good knowledge of general history, and a familiarity with literature, classical and modern, in several languages.”

JROppenheimer-LosAlamosSegrè writes in A Mind Always in Motion, pages 138-139: “Oppenheimer and his group did not inspire in me the awe that they perhaps expected. I had the impression that their celebrated general culture was not superior to that expected in a boy who had attended a good European high school. I was already acquainted with most of their cultural discoveries, and I found Oppenheimer’s ostentation slightly ridiculous. In physics I was used to Fermi, who had a quite different solidity, coupled with a simplicity that contrasted with Oppenheimer’s erudite complexities. Probably I did not sufficiently conceal my lack of supine admiration for Oppenheimer, and I found him unfriendly, even if covertly, for a good part of my career, except when he wanted me to join his team al Los Alamos.”

On the occasion of that call to Los Alamos, at the Oppenheimers’ for dinner, Emilio finds Oppie reading Petrarch’s sonnets in Italian: “He fed us chicken livers and wild rice, which were excellent; we had never before savored wild rice. Concerning Petrarch’s sonnets, I am afraid I did not hide my suspicion that he did not understand them.”

(Freeman Dyson, who had been invited for life by Oppenheimer to the Institute fir Advanced Study, echoed Segrè in this interview (at minute 1), when he said that in Princeton Oppie “liked to come to the seminars and show off how much he knew about things that he didn’t really know”).

Oppenheimer was a great man, out of the ordinary, most remarkable for his noble manners, the lead in the Manhattan Project, and the enormous penalties he had to suffer following it and which he held with great dignity. It appears as he expected from others the admiration he surely deserved. However, not all are so: although a higher-caliber scientist, Fermi was not, and the comparison is inevitable in young Emilio’s mind.

As to Oppenheimer “one of the greatest teachers of physics who ever lived”, hear Enrico Fermi, undisputedly a superb teacher in all accounts, commenting after one of Oppenheimer’s seminars in Berkeley: “Emilio, I must be getting senile… I went to a learned theoretical seminar and could not understand anything except the last words, which were ‘And this is Fermi’s theory of beta decay'” (A Mind Always in Motion, p. 156).

  • Continues Bernstein: “To be fair, it must be said that Segrè himself knew that in the end, despite his Nobel prize, he would occupy a modest place among twentieth-century physicists”.

Bernstein recalls a conversation Segrè once had with Fermi, and is reported in A Mind Always in Motion: “Emilio, you could take all your work and exchange it for one paper of Dirac’s and you would gain substantially in the trade,” Fermi once said to me. I knew this to be true, of course, but I answered: “I agree, but you could likewise trade yours for one of Einstein’s and come out ahead.” After a short pause, Fermi assented.

Fermi and Segrè could talk like that because, recall, Emilio had been the very first pupil chosen by Enrico. And note Emilio writing “I knew this to be true, of course”. So yes, as Bernstein noted, Segrè knew he was no Dirac or Bohr: however this is not the first thing that would come to my mind if I had to comment on his autobiography. And I wonder why it came to Jeremy Bernstein’s mind. It’s just one more of his compelling negative remarks on Segrè.

Bernstein omits to add something that he knows very well, i.e. that Segrè was as much a chemist as he was a physicist: and grand theories of everything typically come only from theoretical physicists. Also, loads of Nobels have been given to experimental confirmations: I’d be very surprised if Bernstein considered them all irrelevant, ‘footnotes’.

And Segrè’s contributions prior to the antiproton experiment (which lead to the Nobel) had been recognized by many: see, e.g., H. Zuckerman, Scientific Elite: Nobel Laureates in the United States, Routledge 1977 (pages 167 and 211 of the Transaction Publishers 1996 edition). This was before Bernstein published this article.

In Emilio’s own words:

The general thrust of my work, from the very beginning, was to explore various more or less recondite consequences of modern theories, or to measure things thought to be important. My aims were not spectacularly inventive, like those of people who look for unexpected new phenomena, and neither were they based on development of new techniques that made new regions accessible to experimentation, although accelerators, developed by others, were mostly essential to my work. My strong points were a good knowledge of physics and a certain imagination, which enabled me to see things not immediately apparent to everybody. For many years the techniques I used were very simple, almost rudimentary, and I spoke of doing “physics without apparatus.” Later, mostly thanks to Chamberlain and Wiegand, we refined known techniques and applied them with a critical eye, avoiding errors and obtaining results that at the time were the best available.

  • Bernstein on Segrè’s contributions to teamwork: “Segrè writes about the antiproton experiment as if it had been done by somebody else.”

Bernstein doesn’t seem to appreciate that all three Segrè’s collaborators on the antiproton experiment worked for him at Berkeley. They had been (or still were, in Ypsilantis’s case) his students or assistants (Chamberlain served as student under Segrè in Los Alamos and then got his PhD with Fermi in Chicago) and were 10-15 years his juniors.

Berkeley Lab’s Research News wrote on July 5, 1996 in Wiegand’s obituary: “Segre and Chamberlain won the 1959 Nobel prize in physics for the discovery of the antiproton. Inexplicably, Wiegand did not share in the award, though Segre and Chamberlain always acknowledged his critical contributions to the success of the experiment.”

Bernstein admits that he knows of “only one example of a scientist who won a Nobel prize and apologized, in writing, to a collaborator who was left out.” Indeed, only one case is known, to both Bernstein and me, of someone who felt apologetic because others had been left out: Heisenberg with Born and Jordan. I am not an expert on that story and the only thing I seem to recall about it is that the Nobel committee reasoned about Nazi involvement instead of just scientific accomplishments. Anyway, we know of only one case of public apologies, despite the many cases of Nobel attributions similar to 1959.

Bernstein wishes “that Segrè had been able to do the same” as Heisenberg. I wonder if he wished the same for all others who won Nobels and, due to the limitation that the award can only be granted to a maximum of three individuals, did not apologize with collaborators.

  • In his response to a letter by Segré’s widow Rosa after the article’s publication, Bernstein reveals that what he dislikes of Segrè is the fact that he maneuvered to get the Nobel and in doing so he demonstrated bad taste.

However, from the autobiography that Bernstein reviewed, A Mind Always in Motion, it is not possible to derive such an impression, nor does Bernstein provide us with any other clue or source. For example, Segrè did not speak of his Nobel aspirations with the two superstars closest to him, that is Fermi and Lawrence, two laureates regularly interpellated by the Nobel committee. Only to this latter Segrè kind of indirectly mentioned the subject, via Seaborg’s intercession:

At the beginning of 1957, Seaborg told me that he thought Lawrence’s nomination would be indispensable for the awarding of the Nobel Prize to anyone working in the Rad Lab. I said that I would not speak to Lawrence on this subject, but that if he, Seaborg, would do it, I would be grateful. A few weeks later, Lawrence’s secretary, without a word, showed me, on Lawrence’s orders, a letter from Stockholm acknowledging receipt of my nomination by Lawrence. No word on the subject passed between us.

In A Mind Always in Motion, the autobiography subject of Bernstein’s review, there are no other signs of maneuvers, schemes or negotiations of sort concerning the Nobel Prize, except perhaps the following exchange with former colleague Georg von Hevesy, which to me has the form of an innocent chat between two old buddies:

During the summer of 1954, I met Hevesy in Brazil. We were friends and I could speak freely to him. Thanks to his Swedish connections, he knew many of the secrets of the Nobel Committee, and he told me that I had not been specifically nominated in the year 1951 [the year of Seaborg and McMillan, red.], which had automatically eliminated me. He advised me to try to interest Fermi. I did not do so because I knew perfectly well that Fermi could not be influenced in matters such as competitions and awards.

However, a few years later, after Fermi’s death, his widow, Laura, asked me to look at her husband’s papers before she gave them to the Regenstein Library at the University of Chicago. In so doing, I found out, to my surprise, that both Fermi and James Franck had proposed me repeatedly for the Nobel Prize in chemistry. I saw also that Fermi had proposed, in physics, Maria Mayer, Hans Jensen, and Wolfgang Panofsky.

His spontaneous proposal deeply moved me, for the same reasons that had prevented me from asking for his support. Nomination by him was, for me, almost as important as getting the prize. Much later I had the opportunity to tell Mayer, Jensen, and Panofsky that they had been nominated by Fermi, and all three had the same reaction. Of them, Mayer and Jensen had had the prize. Panofsky had not.

Perhaps most revealing of Segre’s real attitude toward discussions of how to get the Nobel is the premise to the recount of his conversation with Georg von Hevesy: “We were friends and I could speak freely to him”. It tells us that Segrè was very restraint about initiating such talks with people on that subject.

From myriad such details in his autobiography, we deduce Emilio’s modesty, intellectual honesty, and openness.

He tells us when a family friend influenced a teacher and helped him pass the written Greek exam at the end of high school; when Fermi told him that his all work in physics was hardly a match for one Dirac’s paper; or of the arguments over inheritance with his brothers. He balances the less than flattering remarks on people like Lawrence or Seaborg by highlighting their superior scientific and personal qualities. He tells us about the antiproton experiment as if the protagonists were only Chamberlain, Wiegand, and Ypsilantis, his coauthors in alphabetical order, omitting to narrate what I imagine was the likely background, i.e. that he was providing guidelines and suggestions.

This unassuming depiction is, in my opinion, what leads Bernstein to comment that “Segrè writes about the antiproton experiment as if it had been done by somebody else”. Jeremy Bernstein may not know that self-confidence, self-celebration, and eulogy of oneself are traits not as common in the European character as they are in the US. Mainly as a result of education, an American is definitely more likely than an Italian to exalt in her autobiography the accomplishments and personal qualities. All you have to do to verify this is read a statistical sample of CVs. Or, to name a Segrè’s contemporary and colleague, read Stan Ulam’s autobiography, and you may end up observing, like Bernstein does with Segrè, that “he speaks like someone else achieved all that, not himself”.

  • So Bernstein seems mad at Segrè. How could it be?

Jeremy Bernstein is a fine physicist in addition to an experienced and first-class popular-science writer. I am but his reader: but why should I struggle to understand how he judges Segrè so negatively? All he gives me as the clue is the distasteful maneuvers for the Nobel Prize… which however did not take place.

Could it be that Bernstein, a successful and busy author in 1994, used a ghost reader, i.e. did not really read A Mind Always in Motion fully? This would have prevented him from grasping the autobiography’s humble and open tone. Or maybe when he had met Segrè personally long before the autobiography was published, he was hurt or disappointed by something that the latter did or said. There is one paragraph in the New York Review of Books piece that may hint to something like that:

The discovery of fission in 1935 would have meant that the race to build an atomic bomb might have started well before 1939. The Second World War could have been nuclear from the beginning, or, perhaps, the prospect of nuclear weapons could conceivably have prevented the war. When I suggested these possibilities to Segrè he did not seem much interested. What happened happened, and that was that. […] Historical speculation, however startling, seems to have been of no interest to Segrè.

It is famously false that Segrè did not have a taste for historical speculation: see for example his Berkeley’s obituary, or his books and lessons on the history of science. Perhaps Bernstein was irritated or offended because Segrè had not picked up a stimulus he had launched: he might have interpreted that as a sign of underestimation. Could he think that Segrè was not treating him as the good physicist he was? Or is he just blaming Segrè for refusing to play history fiction with him?

Who knows.

In the Preface of her husband’s posthumous autobiography, which she edited, Rosa Segrè Mines wrote that the title came to her when she asked Owen Chamberlain what was his first recollection of Emilio: “A mind always in motion”, said he. Upon reading the NYRB article, one is left with the uneasy feeling that Jeremy Bernstein either did not read the book or had some hidden personal grudge toward Emilio Segrè.


E. Segrè, A Mind Always in Motion, University of California Press, 1993

J. Bernstein, Eye on the Prize, The New York Review of Books, March 24, 1994

Rosa Mines Segrè’s  1995 reaction and Bernstein response here

j b

Non ho mai pensato che il data journalism si sarebbe presto invalso in Italia.

Adesso comincio a pensare che non vi si svilupperà mai. Non conosco un direttore di quotidiano o periodico che ne abbia anche solo una nozione passabile. Infografiche confuse e abuso farraginoso di dati cherry-picked per confortare una tesi, sono la cifra del nostro data journalism. Chiari segni di malattia infantile.

Lungo e faticoso è il cursus studiorum che conduce alla capacità di raccogliere dati affidabili, analizzarli e ricavarne deduzioni. Serve poi anche dimestichezza con gli strumenti di data analytics sul web -come minimo quelli di Google. E bisogna essere giornalisti, non solo giocatori di dati.

Milena Gabanelli, considerata il top del dj italiano, ha studiato Storia del cinema. Si capisce subito che coi numeri non ci prende. Certo, un paio di volte per secolo nasce uno come Srinivasa Ramanujan, che a 14 anni aveva già ricostruito da sé, senza averli mai incontrati, dozzine di teoremi fondamentali della matematica da Euclide a Gauss. Ma alle persone normali un curriculum scolastico è solitamente richiesto. 

In UK e USA, i giornalisti con degree scientifici o tecnici sono legioni. Da noi, circa zero. Però ormai anche in Italia esistono da tempo dei buoni analisti di dati (che non significa pasticciatori di infografiche!), che immersi in una redazione giornalistica potrebbero portare valore aggiunto.

Oppure, un direttore potrebbe, per cominciare, investire scritturando un giovane fisico o matematico e/o (ancor meglio) un giovane sociologo o scienziato politico con un PhD in analisi quantitativa presso un’università specializzata.

Di sicuro, non serve a nulla mandare a un “corso di data journalism” una persona che non sa la differenza tra media e mediana o non sa scrivere una macro Excel.

Non evolveremo in fretta. Credo che i nostri media continueranno a raccontare favole dove le figure non sono Biancaneve, Cappuccetto Rosso o Berlusconi bensì tabelle colorate piene di numeri ‘ad minchiam’, per dirla con Leibniz.

Post scriptum

Il nostro giornalismo scientifico non è messo molto meglio.

Scienza in Rete, magazine online che si propone nientemeno come voce della scienza in Italia, questa famosa scienza non sa neppure dove stia di casa, visto che chiama Arvix il preprint arXiv, da trent’anni il salotto preferito da fisici, matematici e informatici di tutto il mondo. (Non è un lapsus: ricorre 3 volte in un solo articolo: scomparirà solo se leggeranno qui e capiranno).

Duilio Giammaria, conduttore di Petrolio su RAI2, definisce “associazione di scienziati” la Fondazione GIMBE, che nel proprio “comitato scientifico” annovera fisioterapisti, infermieri, farmacisti, dentisti, medici ospedalieri e zero ricercatori. Potete immaginare con quale autorevolezza il nostro Direttore Produzione Documentari RAI possa convocare scienziati in tv…

 

 

Mary Tsingou circa 1955

“Every writer creates his own precursors,” said Borges. And it doesn’t just happen in art: it also happens in science.

In the field of nonlinearity, known in popular literature by the ambiguous term ‘complexity’, almost no one noticed the scope of Poincaré’s work on the three-body problem until after Lorenz in 1963. And prior to the advent of ‘chaos theory’ in 1977, the Fermi – Pasta – Ulam problem was not out of the circles of super experts.

The extent of nonlinearity in the natural sciences could not be discovered without computers: Poincaré himself, at the end of the nineteenth century, was perplexed by his results and could not go further because of the inhuman implied calculation effort. The encounter between computers and natural sciences was provoked by Enrico Fermi in the early fifties.

To explore his visions, he did not struggle to involve Stan Ulam, a brilliant Polish mathematician and polymath who like Fermi emigrated to America due to racial laws, and John Pasta, a physicist in his thirties who was becoming one of the pioneers of computer science under the guide of giants like Nick Metropolis, the man who at Fermi’s hint created the Montecarlo Method and the architect of the MANIAC computer, conceived with John von Neumann.

The Fermi / Pasta / Ulam paradox was being born, as the result of a computer-simulated mechanical experiment poised to keep physicists busy for over half a century.

The simulation was made possible by a program written in machine language for the MANIAC by Mary Tsingou, a mathematics graduate student who, like many young women since the Manhattan Project in 1943-45, had been hired in Los Alamos as a computer (sic) herself.

In 1953, however, the computer had also become available in the form of an automaton, no longer only a girl, and a young woman willingly took on the task of instructing him to simulate a physics experiment.

No alt text provided for this image

This is the flow chart, i.e. the algorithm of the program. Most likely mainly a Pasta creation, its development is sure to have had Tsingou deeply involved. So how come her name disappeared from all subsequent mentions of the crucial experiment?

The internal report of the Los Alamos Laboratory says that it was “written by Fermi, Pasta, and Ulam” on the basis of a work done by “Fermi, Pasta, Ulam, and Tsingou” (E. Fermi, J. Pasta, and S. Ulam, ‘Studies of the Nonlinear Problems’, I, Los Alamos Report LA-1940, 1955).

That is, Mary Tsingou had not participated in the drafting of the report and this caused her name to disappear from the authors of the experiment in the subsequent citations in the scientific literature.

Had the report not just been filed internally to the Lab, but published in a scientific journal, something which was never done because Fermi died in November 1954, Tsingou would have been given the usual citation credits. Coding the first computer program ever that simulates a physics experiment is not a triviality. It wouldn’t be today.

The boys’ invasion

Tsingou’s name was revived in 2008 by French physicist Thierry Dauxois in ‘Fermi, Pasta, Ulam and a mysterious lady‘ in Physics Today. She did graduate in Ann Arbor and went on to work as a programmer for the government and the military, including assisting John von Neumann in a study and becoming one of the earliest FORTRAN virtuosos. She reportedly lives in Los Alamos today.

From the beginning of computing until well into the 1980s, women filled a higher proportion of programming jobs than today. Very early on, like post-war times at Los Alamos, they were often preferred for coding jobs because it was believed that a meticulous mentality was required and this was supposed to be a female’s specialty.

Getty imagesIn the United States, by 1960 more than one in four programmers were women and by 1983, 37 percent of all students graduating with degrees in computer and information sciences were female. This was the historical peak though.

Early forms of personal computing were emerging, and they were used almost exclusively by boys. The Commodore and TRS wiz-kids started flocking to Computer Science 101 classes and in ten years the percentage of women in computing degrees was down to 28 percent. It has kept going down ever since and we are down to about 18% today in the US.

This has turned computing and the IT industry in general into an all-male business, although it looks like it is less due to women’s disaffection than the mighty influx of men.

It is believed that to increase gender diversity in information technology, remedies include giving computer devices and game consoles to girls as well instead of just boys, and inserting as many female board members and executives as possible in IT enterprises.

lupo-mannaro

Ho l’impressione, fondata sulle conoscenze quantitative attuali e contrastante con la vulgata corrente, che la catastrofe sia avvenuta in Lombardia perché il SARS-Cov-2 ha attaccato più lì che altrove.

La Lombardia è accusata dalla vulgata di non aver agito come il virtuoso Veneto. Il Veneto ha in effetti fatto tutto molto bene. Però non sappiamo come gli sarebbe andata se fosse stato aggredito con la medesima virulenza e negli stessi tempi.

Mi spiego

Ammiravo il professor Crisanti quando nessuno, salvo qualche giornale regionale veneto, ne aveva ancora mai parlato. Chi progettava la app Immuni può testimoniare che il 20 marzo raccomandai loro di sentirlo come consulente.

Crisanti e Zaia (che, particolare forse non secondario, è laureato in Scienze della Produzione Animale) hanno fatto bene. Io ritengo Crisanti forse il più competente esperto che abbiamo tra quelli apparsi in pubblico e vorrei che fosse consulente del Governo.

Però dai numeri sembra proprio che la Lombardia sia stata attaccata in modo molto più severo di ogni altra regione.

La stessa cosa è successa, per dire, a New York City, a Madrid, al Belgio o a Londra, con esiti analoghi (RSA comprese): non so se si possa, per ognuna di queste regioni, affidarsi alla stoltezza degli amministratori come spiegazione.

Questo è ciò che sa fare un tifoso o un politicante, non un analista. (Io detestavo il Celeste i suoi accoliti ciellini, e mi faccio beffe dei leghisti. Ma mi piace guardare ai problemi senza il piglio del partigiano, fin dove possibile).

Davvero crediamo che i virus si propaghino in modo uniforme e armonioso sui territori fin dall’inizio?

 

Allora ascoltiamo gli esperti della Fondazione Bruno Kessler, secondo i quali in Lombardia “l’epidemia è iniziata con largo anticipo rispetto alle altre regioni e ben prima che ce ne potessimo accorgere“.

Infatti, quando Mattia andò al Pronto Soccorso la prima volta, il 15 febbraio, il tasso effettivo di riproduzione del contagio R(t) non solo era già poco sotto il 4 in Lombardia, ma aveva anche subìto una prima impennata a fine gennaio:

R

Inoltre, in Lombardia la magnitudine dell’attacco si è combinata anche con la sua qualità: un paziente è andato a contaminare un intero ospedale, dal 15 febbraio in avanti.

E’ stato un errore non chiudere quell’ospedale, come invece Crisanti/Zaia fecero a Schiavonia dopo il primo morto (non il primo infetto)?

Può darsi. Ma non abbiamo evidenze per fornire adesso risposte certe. E non so se le avessero, allora, i dirigenti della Lombardia.

Secondo il professor Palù (2 aprile), meglio si sarebbe fatto a tenere gli infettivi a Codogno per evitare di spargerli in Lombardia: “La scelta della Lombardia di trasferire i malati dall’ospedale di Codogno, che era il primo focolaio, ad altre strutture della regione, si è rivelata infelice“.

Ma forse il suo pensiero non è stato riferito con precisione dal Corriere.

Già nei primi giorni, infatti, circa l’11% dei Casi lombardi cadevano in cure intensive: i 19 pazienti Covid intubati del 24 febbraio, per dire, non potevano certo stare in un piccolo ospedale – che di posti in intensiva ne ha uno o due – o aspettare che ne sorgesse uno da campo a Codogno. Per loro fortuna (l’ottanta per cento sopravviverà) erano stati inviati al San Matteo di Pavia e al Sacco di Milano.

Poiché non si conoscevano né il virus né le terapie, se anche tutti quei pazienti fossero rimasti a casa, curati con l’assistenza territoriale, ce ne sarebbe sempre stato come minimo un 25% (dato veneto del 24 marzo, forse anche superiore in febbraio…) che necessitava di ricovero ospedaliero. Ossia, le folle in ospedale si sarebbero comunque verificate, e tutti quei pazienti non potevano restare a Codogno.

Non ho ancora visto fonti autorevoli esprimersi pubblicamente su questo punto, con dei dati alla mano.

Posso solo darvi un numero come paletto di riferimento: il 28 febbraio, i Covid lombardi in terapia intensiva erano già 47, e raddoppiavano ogni 60 ore. E fino ad allora, come vedete dalla Figura qui sotto, addirittura era più probabile in Veneto che non in Lombardia, finire intubati se malati di Covid-19 (mia grafica su dati tratti da qui):

chart vl

Molte persone non capiscono i processi esponenziali, a volte anche scienziati se non del settore fisico/matematico. I giornalisti, poi, non ne sanno nulla.

E purtroppo sul tema ho finora letto risposte “certe” solo nel data journalism sciattone stile Gabanelli, ascoltando il quale apprendereste che il wifi e il 5G uccidono, il vaccino contro il Papilloma virus fa male, le fragole-pesce esistono e Antonio Di Pietro aveva 45 case – che però erano particelle catastali.

Insomma non sappiamo se la sorte della Lombardia sarebbe stata un’altra se essa si fosse comportata diversamente quando il 20 febbraio, a Codogno, Mattia fu attestato malato Covid19.

E andiamo oltre.

Curare invece di ricoverare

Uno potrebbe argomentare così: anche se c’erano molti più casi in Lombardia, si può supporre che, salvaguardando al massimo gli ospedali e relegando da qualche parte, al limite a casa, i pazienti paucisintomatici e facendoli curare al telefono, si sarebbe ridotto di molto il numero di quelli che finivano in Intensiva, e quindi alla lunga i morti.

Intanto, rammentiamo che anche in Veneto almeno un quarto dei sintomatici andavano in ospedale e che, di questi, almeno uno su dieci veniva intubato fino al 20 febbraio. (Durante l’intera crisi fino al 20 maggio, il Veneto ha ospedalizzato circa 5mila pazenti Covid19: una massa pari grosso modo a un terzo dei posti letto totali. Chi sopravaluta le cure territoriali, dimentica che il numero dei ricoverati è comunque grande e che se gli infetti fossero stati il quintuplo, come in Lombardia, il sistema sanitario veneto sarebbe stato messo a repentaglio).

Poi, e più importante, nessuno ha ancora dimostrato che fosse possibile mitigare gli esiti della malattia nelle persone con comorbilità (il 97% dei morti ne avevano almeno una e l’83% ne avevano due), né che lo sia ora.

Ne è noto come le si sarebbe dovute curare a casa. (Dove comunque, sia detto per completezza, esse infettano i conviventi. “Cure territoriali” non significa, come si crede in Italia, essere curati a casa dal MMG: significa relegare gli infetti in apposite strutture / lazzaretti, come facevano in Cina).

Tantomeno era noto due mesi fa.

C’erano messaggi cinesi utili, ma erano lettere al Direttore (nella fattispecie Nature, Letter to the Editor, e peraltro solo uno studio sugli animali) e comunque non so se li avessero consultati, il 20 febbraio, i medici italiani.

Cosa si può somministrare, a casa o in lazzaretto, a un paucisintomatico Covid19, magari vecchio, cardiopatico e con insufficienza renale cronica, per evitargli di morire presto?

Al Sant’Orsola di Bologna, ossia non gli ultimi arrivati, e anche altrove, ancora a fine maggio si crede nella idrossiclorochina associata agli antibiotici. Fra non molto forse vedremo al lavoro i ‘lazzaretti’ (predisposti da fine marzo anche in Lombardia) con somministrazioni di quei farmaci ai pazienti leggeri, nella speranza di ridurre significativamente l’accesso all’intubazione. Speriamo!

Ma la cosa è discussa nella letteratura scientifica ‘di guerra’: vedi ad esempio Barbosa et al. sul New England Journal of Medicine, o Molina et al. o Chen et al o la meta-analisi assai negativa di Lancet del 22 maggio. Attenzione: forse io, che di medicina so nulla, fraintendo la negatività di questi studi, e forse sto sottovalutando quelli incoraggianti, anche se sono meno recenti e sono stati molto criticati dal mainstream.

Forse. Ma sta di fatto che il consenso scientifico non c’è, come confermato ancora il 12 maggio da Giuseppe Ippolito, direttore scientifico dello Spallanzani di Roma, in un’intervista dal vivo a RAI Radio Anch’io alle ore 07:50.

Del resto, ancora ai primi di aprile, a Hong Kong e Singapore, due paesi allora “vincenti” sul coronavirus, i pazienti infetti venivano ospedalizzati – e i rispettivi contatti relegati a casa con braccialetti GPS.

Dunque: nessuno mi ha ancora dimostrato che

1) chiudendo l’ospedale di Codogno il 20 febbraio la Lombardia avrebbe avuto un decorso di lutti paragonabile a quello del Veneto, né che
(2) isolando in un lazzaretto (o addirittura a casa) i pazienti paucisintomatici e facendo prescrizioni al telefono con al più qualche rara visita da parte di Unità Speciali di Continuità Assistenziale (strumento ancora in sviluppo), si possano limitare le morti.

Ciò che poi conta per gli scopi della presente discussione, è che di sicuro (1) e (2) non erano dimostrati il 20 febbraio 2020.

Le dimensioni contano

In ogni caso, se anche un giorno (1) e (2) venissero dimostrati, ricordiamo che

i Casi Confermati in Lombardia (un proxy di quelli effettivi) sono sempre stati da 3 a 6 volte quelli veneti, e tuttora sono, cumulativamente, il quadruplo.

Questo potrebbe essere un ‘gatto che si morde la coda’… Ma se non altro, è scientificamente noto.

Lo si desume ad esempio dalle seguenti due Figure, che sono rispettivamente la 2 e la 6 di Epidemiological characteristics of COVID-19 cases in Italy and estimates of the reproductive numbers one month into the epidemic, medRxiv):

2nd paper

bis

E, ricordate: tutto si gioca durante l’assalto esponenziale iniziale, incomprensibile ai commentatori della vulgata.

(Guardate l’andamento di R prima del 20 febbraio).

Non vi stupirà, dunque, apprendere che il 21 maggio alle 18:40, su Sky News, il prof Carlo La Vecchia, ordinario di Statistica medica alla Statale MI e uno studioso con un h-index pari a 169 su Scholar, ha detto:

L’impatto è stato molto più violento in Lombardia. […] Si può praticamente dire che ci siano state ‘tre epidemie’ in Italia: quella in Est-Lombardia e provincia di Piacenza; quella nel resto della Lombardia; e quella nel resto d’Italia

Dunque, noi a rigore non sappiamo se, quand’anche si fosse chiuso Codogno e si fossero lasciati un sacco di persone a casa con ipotetiche cure ‘territoriali’, gli esiti lombardi sabbero stati così felici come quelli veneti.

Con il quadruplo dei contagiati, e un processo esponenziale (o ‘cubico’, come dicono i pignoli) in corso fino a marzo inoltrato, forse i numeri dei morti nelle due regioni si sarebbero comunque divaricati di molto. Non lo sappiamo. Non lo sa nessuno.

E andiamo oltre.

Come mai proprio a Milano nessuna catastrofe?

Quando guardai i dati l’ultima volta durante il lockdown, 26 aprile 2020, la provincia di Milano era la 22ma in Italia per numero di Casi Confermati sul numero degli abitanti (i Casi Confermati sono molti meno di quelli effettivi, ma sono pur sempre un proxy col quale possiamo fino a un certo punto confrontare i territori tra loro).

Milano veniva dopo tutte le province lombarde tranne Monza e Como e, per dire, anche dopo Aosta, Pesaro Urbino, Trento, nonché quasi tutte le province piemontesi.

La stragrande parte dei morti per abitante, in Lombardia sono stati a BG, BS, CR, LO. I pazienti di queste province sono stati massicciamente curati anche a Milano e Pavia. Le altre province sono state lasciate certo non indenni, ma molto molto meno colpite di quelle quattro là.

Secondo voi qual era la principale possibile vittima di un’epidemia in Lombardia, se non l’area urbana più popolosa e con la più fitta e frequentata rete di trasporto pubblico, ossia Milano con il suo hinterland?

Eppure lì a Milano e Monza-Brianza è successo ben poco rispetto alle province orientali. La provincia di MI ha avuto, per ogni mille abitanti, la metà dei casi di BG e un terzo di quelli di CR.

Questo potrebbe essere un ulteriore indizio del fatto che forse la ragione della tragedia lombarda è da ricercare nella magnitudine e nella qualità (vedi sopra) dell’attacco del SARS-CoV-2, piuttosto che nelle decisioni prese sul campo dalla Regione e dal Governo?

Ossia: se le decisioni, la ospedalizzazione in primis, fossero state radicalmente sbagliate, si può pensare che il riflesso sarebbe stato pesantissimo in tutta la Regione, o quantomeno a Milano.

Semmai, se errori acclarati ci sono stati, questi sarebbero quelli di carattere locale, verosimilmente a BG, BS e CR, la cui responsabilità è ancora da accertare. (Secondo alcuni esperti, come l’immunoinfettivologo dell’Umberto I Francesco Le Foche, invece, la sola partita Atalanta-Valencia potrebbe essere stato un episodio super-diffusore fatale. E questa tesi risuona col famoso Paziente 31 sudcoreano, il superspreader che provocò 5mila contagi).

Questi ipotetici errori sembrerebbero doversi ricondurre in gran parte al mancato lockdown severo e tempestivo nelle province di BG e BS ai tempi di Codogno. Non ho capito se ciò sarebbe da imputare principalmente alle Autorità lombarde o a quelle romane.

Di sicuro, ricordo i violenti e scomposti attacchi, intorno al 27 febbraio, da parte sia del senatore Salvini sia di Confindustria, che pretendevano si rimuovesse il lockdown di Lodi perché comprometteva le filiere produttive: un Governo di Larghe Intese avrebbe dovuto provvedervi…

Ne fui molto colpito perché in quei giorni io, invece, ero intento a pensare quali competenze si potessero mobilitare per ridurre al minimo l’inevitabile impatto del lockdown sulle catene del valore lombarde. Pensavo a business schools, think tanks, associazioni imprenditoriali.

Fui pertanto molto deluso nel constatare che la principale di queste ultime non aveva altro da dire che “riaprite subito”.

Mi apparve evidente che Confindustria non aveva ancora capito nulla del pericolo che stavamo correndo.

Sono dunque incline a ritenere che se errori ci furono in Est Lombardia, le responsabilità vadano forse condivise tra più enti.

In conclusione

Insomma, tentennamenti e incertezze nella gestione dei blocchi possono aver influito sulle conseguenze della Covid19 in Est Lombardia. Ma tentennamenti e incertezze ci sono stati in tutta Italia, mentre le conseguenze di gran lunga più tragiche si sono verificate in Lombardia.

Perché? Verosimilmente, perché il SARS-Cov-2 ha attaccato più lì che altrove.

 

Può darsi che un giorno si trovi una spiegazione diversa. Oggi, tuttavia, essa mi è sconosciuta. Se qualcuno di voi la conosce, nel senso che può documentarla credibilmente e non con aneddoti o corbellerie giornalistiche, lo faccia.

POSCRITTO: No cherry-picking, please

 

Mi viene segnalata una relazione della Direttrice regionale Prevenzione del Veneto, Francesca Russo, che, alla data del 26 aprile, in una presentazione pubblica al fianco del Governatore Zaia, vanta i risultati della sua regione rispetto alla Lombardia.

Tale relazione sottace la portata del fenomeno nelle due regioni, e le evidenze empiriche da me sopra citate.

Un esempio: Russo sostiene che il Veneto sarebbe “partito in svantaggio, perché tra il 24 febbraio e il 2 marzo i casi sono aumentati di 8,5 volte passando da 32 a 271, mentre in Lombardia sono cresciuti di 6,5 volte, lievitando da 166 a 1077“.

Questa affermazione è curiosa:

(1)

Intanto, la storia del Coronavirus in Italia non inizia certo il 24 febbraio.

Riandiamo a Epidemiological characteristics of COVID-19 cases in Italy and estimates of the reproductive numbers one month into the epidemic  e ricordiamoci, ricordandolo anche alla dottoressa Russo, come il virus abbia galoppato in modi ben diversi nelle due regioni, già dal 28 gennaio al 6 febbraio, con tassi di riproduzione ben diversi (ahimé, ancora gli esponenziali…)

ris

(2)

A Francesca Russo sembra mancare un importante pezzo della storia Coronavirus in Italia. Oppure forse ha inteso scegliere una specifica finestra temporale che potesse servire a illustrare meglio la sua opinione? Ma in questo caso ha sbagliato, perché se la sua osservazione circa il trend in quei 9 giorni è corretta (stiamo entrambi usando la stessa fonte), essa omette di ricordare i valori assoluti in gioco. Eccoli:

Casi

Per farvi un’immagine più dettagliata di quanto già illustrato più sopra, guardatevi la chart delle settimane che vanno da quella citata da Russo fino al lockdown nazionale:

wider

Ricordate? L’incidenza del virus in Lombardia si è sempre mantenuta da 3 a 6 volte superiore a quella veneta, fin da epoche precedenti a quella richiamata da Russo. Queste charts che Russo ci induce a riesumare, non fanno che confermare l’asserto già assodato sopra mediante fonti più autorevoli delle nostre.

Se tutto ciò non convince la dottoressa Russo, essa potrà forse valutare il parere del prof. La Vecchia, dei cui titoli diciamo sopra, o di Stefano Merler, modellista matematico ed epidemiologo della Fondazione Bruno Kessler, i quali entrambi ci assicurano (vide supra) che in Lombardia “l’epidemia è iniziata con largo anticipo rispetto alle altre regioni e ben prima che ce ne potessimo accorgere”. e che è stata di qualità e intensità diversa da quella nazionale.

investigative_journalism_home

Ho già rivelato da tempo la mia ammirazione per il coraggio e la spregiudicatezza di Milena Gabanelli, qualità rare da coltivare facendo il giornalista.

Purtroppo, non è che ci prenda sempre. Leggendo le sue inchieste o guardandole in tv, già dovemmo apprendere con orrore corbellerie quali il wifi che uccide, la malignità del vaccino contro il Papilloma virus, l’esistenza delle fragole-pesce, e le 56 (o giù di lì) case di Antonio Di Pietro che in realtà si rivelarono poi essere particelle catastali.

Il difetto di Gabanelli è la sua spiccata propensione verso il giornalismo a tesi.

Il coltivare una tesi preconcetta è allo stesso tempo un dovere e un rischio del giornalismo di inchiesta: un rischio che bisognerebbe imparare a mitigare. Per questo, sulla porta della sala Stampa Estera di non so più quale istituzione a Washington DC campeggia la scritta (ironica, Milena: ironica!)

Dear God, never let the facts get in the way of a good story!

Non è per forza una cattiva idea il partire con una tesi, un’ipotesi di lavoro. Succede spessissimo, nessuno di noi è neutrale. Anche lo scienziato parte con un’idea in mente. Ma allora, poi, la nostra inchiesta deve spietatamente cercare e poi vagliare fatti e ipotesi che a quella tesi potrebbero opporsi.

Poniamo ti venga il sospetto che il Presidente dell’OMS sia un burattino nelle mani della Cina e che come tale abbia malignamente orientato la sua istituzione durante la crisi Coronavirus.

Non è un’idea straordinariamente originale, il 10 maggio 2020, visto che se ne parla da mesi e in modo particolarmente insistente da quando, settimane addietro, Donald Trump ha cominciato a incolpare Cina ed OMS del disastro in corso negli Usa.

Diciamo che a me, per dire, sarebbe saltato in mente semmai di mostrare vero il contrario della litania che sento sui media da un mese, e di vedere se per caso è l’OMS non sia andata poi così malaccio e che la catastrofe Usa sia stata causata solo dalla testardaggine di DJT.

Se debbo dar retta al Guardian, che fra l’altro ha il merito di non aver lardellato l’articolo di figure sguaiatamente colorate e grafica tutta funzionale a una sola tesi, in buona sostanza

«La stessa decisione di dichiarare una pandemia il 13 marzo – una distinzione ampiamente retorica, dal momento che chiamare una PHEIC [la Public Health Emergency of International Concern annunciata il 30 gennaio, NdT] richiede già ai membri dell’OMS di rispondere – era mirata a dare la sveglia agli stati membri. Nel Regno Unito la Premier League stava ancora giocando, e la settimana precedente gli Stati Uniti avevano tenuto le Primarie.

“Hanno dichiarato la pandemia perché i paesi non stavano seguendo il consiglio”, ci dice Adam Kamradt-Scott, professore di salute globale all’Università di Sydney. […] I paesi hanno ripetutamente ignorato i consigli dell’OMS”»

Tesi riecheggiata da un’inchiesta del New York Times, il quale sostiene che l’OMS ha ammonito sul coronavirus presto e spesso, e conclude che

“Con informazioni limitate e rapidamente mutevoli, l’OMS ha mostrato una determinazione precoce e coerente nel trattare il nuovo contagio come quella minaccia che sarebbe diventata e nel persuadere gli altri a fare lo stesso. Allo stesso tempo, l’organizzazione ha ripetutamente elogiato la Cina, agendo e parlando con la cautela politica che scaturisce dall’essere un braccio delle Nazioni Unite, con poche risorse proprie, incapace di svolgere il proprio lavoro senza cooperazione internazionale.”

Ma supponiamo che Donald Trump ti abbia instillato il sospetto che queste siano solo tiritere da Dem e che Tedros Adhanom Ghebreyesus sia un burattino cinese e tu voglia confermarlo o smentirlo.

Che fai? Sentirai anche qualcuno che non aderisce a quella tesi? Cercherai, nei fatti e non solo nelle chiacchiere mediatiche (specie se pretendi di occuparti di data journalism) indizi che quella tesi sembrano smentire o ridimensionare? Studierai le analisi di chi propugna una tesi opposta?

Ebbene, Milena Gabanelli (e Simona Ravizza) non ha fatto nulla di tutto ciò. Si è limitata a collezionare il maggior numero possibile di indizi che potessero confermare la sua tesi preconcetta.

Per esempio

  • imputa ad Adhanom Ghebreyesus di avere dichiarato la PHEIC “solo il 30 gennaio, quando i contagi ufficiali sono già 7.836 e 18 i paesi coinvolti“. Perché solo? Quando avrebbe Gabanelli o gli esperti da lei intervistati, ammesso che ve ne siano stati, chiamato la PHEIC?
  • interpreta come sudditanza gli elogi rivolti da Adhanom Ghebreyesus alla Cina, circa la rapidità e l’efficacia di questa nel reagire all’epidemia.
    Eppure a noi, pur consapevoli delle limitazioni cui vanno soggette le informazioni provenienti da una società non democratica, la rapidità e l’efficacia cinesi sono apparse evidenti, e stridenti con le interminabili e fatali esitazioni di Francia, UK o USA. Anche il Guardian e il NY Times la pensano così.
  • Omette di dire che l’azione di Adhanom Ghebreyesus, che è un microbiologo, come Ministro della salute in Etiopia ottenne significativi riconoscimenti internazionali (per esempio nel 2011 dalla Yale School of Public Health)
  • Omette di precisare che l’accusa di “aver insabbiato tre epidemie di colera” in Etiopia – ripetuta più volte da Gabanelli – gli fu elevata solo nel 2017 da un consulente di David Nabarro, il candidato avverso a Adhanom Ghebreyesus per la direzione dell’OMS
  • Spende una grossa fetta dell’inchiesta per illustrare la  preponderanza cinese in Etiopia (arcinota da un quarto di secolo), per corroborare la teoria secondo la quale il presidente OMS etiope è se non suddito almeno obbligato a eterna riconoscenza alla Cina
  • Definisce, come Trump, la OMS “una agenzia ONU a guida cinese” quando gli stessi dati da Gabanelli maldestramente riportati mostrano che la stragrande parte dei supporter e contribuenti dell’OMS sono americani, inglesi, tedeschi e giapponesi…
  • Non ha letto é il Guardian né il New York Times,
  • Non cita alcuna fonte che non sia preconcettualmente ostile alla leadership dell’OMS
  • Cosa forse peggiore di tutte, Milena Gabanelli è probabilmente ignara del rapporto col quale il Global Preparedness Monitoring Board organizzato da OMS e Banca Mondiale ammoniva, nel settembre 2019, della costante minaccia di “veloci pandemie di patogeni respiratori fatali“. Cara Gabanelli…

 

Insomma, giornalismo d’inchiesta de noantri, per palati molto semplici. Assai al di sotto del livello consueto.

 

 

Minima moralia: combinato disposto

Pubblicato: 24 aprile 2020 da Paolo Magrassi in Luoghi comuni, Politica e mondo, Scienza

combination(1)Scrivendo al giornale, qualcuno si lamenta della pomposa espressione ‘il combinato disposto’, che, sostiene, meglio sarebbe sostituita da ‘la combinazione’ e basta.

Ha ragione.

Anche se a me dànno più fastidio al fine (invece di per) e altresì (invece di anche e a volte invece di oppure), che dominano sovrani ogni volta che non dico un politico o un avvocato, ma anche un italiano qualsiasi predispone un avviso condominiale. Prescriverei le nerbate in piazza..

Il lettore sbaglia solo nel dire che il combinato disposto sia di origine burocratica. In realtà, esso ha qualche fondamento nella logica matematica.

Chi dice combinato disposto, in Diritto o in Politica, intende alludere alla complessità che nasce dal considerare non solo in quanti modi posso raggruppare a gruppi di k un numero pari di oggetti n, bensì anche la disposizione che i singoli oggetti assumono nei gruppi.

Questa l’intenzione iniziale. Naturalmente, il giorno successivo sarà sùbito nato l’abuso da parte di che vuol solo mettere un po’ di latinorum nei suoi poveri concetti da babbeo.

The fog of war

Pubblicato: 10 aprile 2020 da Paolo Magrassi in Politica e mondo
Tag:, ,

Lt Hanson - Army Tigers

Nella nebbia della guerra, ci difettano informazioni sulle nostre forze così come su quelle del nemico, del quale fatichiamo inoltre a capire le intenzioni.

Per quaranta pagine della Certosa di Parma,  Fabrizio del Dongo vaga nel campo di battaglia di Waterloo, e non ci capisce nulla. Ma sono spesso confusi anche coloro che possono vedere le cose dall’alto. Canne, Balaclava, Little Big Horn, le Ardenne, Pearl Harbour: tutti esempi di sotto o sopravalutazioni, disinformazione, cattive valutazioni, inaffidabilità dei dati.

Mentre scrivo, nessuno sa davvero come stanno le cose. Non il medico nel reparto ospedaliero. Non il ricercatore in laboratorio. Non il modellista matematico. Qualcuno, probabilmente, sta formulando proprio adesso le domande che un giorno si riveleranno essere quelle giuste: ma non sappiamo esattamente chi sia.

Qualcuno deve prendere decisioni stando dentro questa incertezza: il politico. A costui dobbiamo rispetto. E tanto più, quanto maggiori sono il nostro carico cognitivo e la nostra disponibilità informativa, perché questi ci fanno apprezzare l’incertezza e la complessità della situazione.

PS: Per costruirvi qualche opinione, io vi suggerisco di seguire

img_0549

Bisognava seguire i moniti dell’Organizzazione Mondiale della Sanità sui rischi delle pandemie, moniti che pervenivano sotto forma di report annuali ricorrenti.

Non si trattava di spendere fantastiliardi o configurare le “terapie intensive” come se stesse sempre per arrivare l’Attacco degli Zombie (cosa insensata ed economicamente insostenibile).

Occorreva metter su un’infrastruttura ad hoc con un primo livello di monitoraggio e allarme, e un secondo più corposo di prima risposta, in grado di attivarsi nello spazio di una settimana.

Invece a me pare di capire che avessimo pochissimo del primo e nulla del secondo. Per esempio, i casi, ancora non è noto quanto numerosi ma sicuramente avvenuti, di troppe e strane polmoniti interstiziali bilaterali già in gennaio (se non addirittura in dicembre), avrebbero meritato, fusi ad altre informazioni (come minimo, l’allarme Cina-OMS del 31.12.2019), la dignità di allarme anziché di curiosità aneddotica.

Amen. Ma, benché già grave, tutto ciò non è ancora nulla. Abbiamo infatti avuto una seconda chance.

Tutti, anche i non addetti ai lavori, intorno a Capodanno ormai sapevano che disastro fosse in corso in Cina: lo si vedeva in tv. Questa consapevolezza avrebbe dovuto fare le veci della sostanziale mancanza di un sistema di monitoraggio e allerta: avrebbe dovuto indurci ad attuare la prima risposta.

Ossia, nei primi giorni di gennaio avremmo potuto e dovuto:

  • predisporre la catena di comando e controllo in caso di crisi sanitaria pandemica, compresa la stesura delle bozze di decreti di legge e simili, la nomina di Commissari e consulenti, eccetera
  • cominciare a chiedere alle Regioni di potenziare le unità di Terapia Intensiva, sulla scorta quantomeno delle esperienze in corso negli ospedali di Wuhan (se non dell’ammonizione annuale dell’OMS circa il rischio di eventuali “veloci pandemie di patogeni respiratorii letali”)
  • predisporre un piano di allocazione dei pazienti infettivi che sarebbero esplosi se la pandemia ci avesse attaccato
  • revisionare la mappa di tutte le strutture sanitarie, dai medici di famiglia a quelle ospedaliere di vario livello ai ricoveri per pazienti a bassa morbilità, a quelli per anziani ecc.
  • iniziare a revisionare le filiere di approvvigionamento e produzione del materiale di protezione individuale che si sarebbe potuto rendere necessario al personale ospedaliero, a quello delle comunità assistenziali, ai medici di famiglia
  • idem per le attrezzature mediche utili in caso di epidemia di un patogeno respiratorio letale (vedi qui pag. 5), come respiratori, ventilatori, saturimetri, ecc le cose che i medici conoscono bene
  • avviare un’infrastruttura di monitoraggio di massa, come
      • predisporre dei siti di test nel territorio e criteri di campionamento (che ancora non vedo oggi!!)
      • procurarsi un’apposita App da distribuire a tutti per risalire più facilmente ai contatti dei contagiati scoperti
      • monitorare e tracciare scuole, carceri, RSA e comunità chiuse in genere
      • altre cose che io non so dire perché non sono un esperto

Invece, ancora nella settimana del 21 gennaio praticamente tutti, Ministro della Salute in testa e persino la stessa OMS, minimizzavano.

Solo il prof. Burioni e, ne sono certo anche se non posso citarli, altri esperti avvertivano essere il pericolo degno di nota, sebbene senza fornire dati quantitativi e dando l’impressione che comunque fosse al lavoro una rete di monitoraggio e che la prima risposta fosse già in attuazione.

Al 31 gennaio, con la scoperta dei coniugi cinesi contagiati, l’allarme divenne chiaro anche in Italia.

Ma non abbiamo veramente predisposto, se non in parte, le contromisure di cui sopra fino al 20 febbraio quanto a Codogno compare il primo malato. Due mesi di ritardo, di fronte a un fenomeno dalla crescita esponenziale che raddoppiava ogni pochi giorni.

Anzi, ancora oggi non disponiamo di buona parte di quella infrastruttura. No app, no rete per fare i test (salvo qualcosina in Emilia e Veneto), no piano -almeno noto pubblicamente- per la fase successiva al lockdown

Prendersela solo col Governo in carica, anche se in effetti la colpa contingente è sua, è quasi futile. Per molti anni abbiamo ignorato le linee-guida sull’emergenza pandemia. E non erano preparati, per dirne alcuni, neppure Francia, Spagna, Usa e Uk.

I Paesi che hanno fatto seguito ai moniti annuali OMS, come Sud Corea, Singapore, Vietnam e Taiwan (e forse anche Giappone), lo hanno fatto perché avevano visto da vicino la SARS e altre epidemie. In tal modo, essi ci stanno surclassando in fase di risposta a SARS-CoV-2.


POSCRITTO DEL 19 APRILE:

Dopo aver postato quanto sopra, ho letto ciò che gli esperti, prima del nuovo coronavirus, dicevano circa il perché praticamente nessun paese avesse il sistema di risposta che sarebbe stato necessario in caso di pandemia.

La diagnosi era che non era possibile convincere l’opinione pubblica, e quindi la maggior parte delle forze politiche, che si sarebbe dovuta fare una seria prevenzione in quell’area.

Venivano richiamate, ad esempio, le reazioni – dal freddo all’ostile – alla prospettiva di una vaccinazione di massa contro l’influenza A H1N1 del 2009: “soldi buttati via”, il “ministro un burattino nelle mani di BigPharma”, l’orrore del  controllo statale sull’individuo… Stessi discorsi, in tutto il mondo. (Mi hanno fatto ricordare che se ne parlò anche qui).

Poi, ieri, in Tv ho avuto una folgorazione, quando ho visto che si interrogavano i dirigenti della Sanità lombarda e torinese circa la presenza di posti di terapia intensiva approntati in fretta e furia nelle fiere e altri edifici pubblici, nei quali non ci sono pazienti.

In due diversi Tg, l’atteggiamento del giornalista era tra il beffardo e l’inquisitorio, come a dire “E adesso? Così dunque sprecate le donazioni dei cittadini?”.

Attraverso queste vicissitudini mi sono dunque convinto che non saremo mai pronti per una pandemia, anche se una delle prossime potrebbe essere anche peggio di quella di adesso.

Nobody seriously sick beyond the Alps?

Pubblicato: 14 marzo 2020 da Paolo Magrassi in Luoghi comuni

So, it is only in Italy that we have been experiencing an unusual growth of bilateral interstitial pneumonia (the first covid-19 cause of death) since late February, while six weeks later none have been reported yet to the public concerning France, Germany, US etc.?

What’s up?

With SARS-CoV-2 confirmed cases in the order of 2,000 each? This is so peculiar. Are the French and German media doing their job? Are the respective authorities?

The first warning in China was on December 26. And likely correlation with Covid19 is known in Europe (at least in Italy) since February 22 at the latest, when in Italy a mere 100 cases of SARS-CoV-2 infections had been found.

Just saying…

#Coronavirus – La crisi è grave

Pubblicato: 7 marzo 2020 da Paolo Magrassi in Politica e mondo
Tag:, ,

friexpI ricoverati ospedalieri, inclusi quelli in terapia intensiva, stanno raddoppiando ogni sessanta ore e prima di fine mese saranno dieci volte quelli di adesso. La stessa dinamica osservata a Wuhan.
Dobbiamo rallentare la circolazione del virus, stando in casa ed evitando assembramenti anche piccoli. Le Autorità, oltre a ingaggiare nuovo personale medico più rapidamente e a proteggere meglio quello esistente, devono cooptare con ogni mezzo i relativi distretti industriali per produrre i farmaci e le attrezzature che non stiamo riuscendo a procurare attraverso i canali di acquisto. Entro due settimane.
Altrimenti (1) il sistema sanitario padano si inginocchierà a fine marzo, coi letti nei palasport e nelle scuole e il personale stremato e largamente insufficiente. (2) Entro un mese esploderanno i morti non-Covid privati di accesso alle cure (infarti, ictus, traumi). (3) In due mesi l’intero S.S.N. territoriale italiano sarà distrutto e quasi nessuno avrà più accesso a cure mediche di alcun genere.

PREGO FATE CIRCOLARE QUESTE INFORMAZIONI AD AMICI GIORNALISTI, POLITICI, DIRIGENTI P.A.

durante la sua intera esistenza, un’auto a benzina media emette nell’aria, per ogni passeggero trasportato al Km, 234 grammi di CO2

l’aereo Boeing 737 Legacy  ne emette 170

la metropolitana BART di San Francisco ne emette 125

Leggi il seguito di questo post »

Anche in ARERA, nessun orgoglio professionale, nessuna dignitosa pulsione a fare della propria giornata lavorativa qualcosa di sensato anziché una sequela di gesti che i chatbot potrebbero fare prima e meglio, come infatti accadrà.

Leggi il seguito di questo post »

Union of Concerned ScientistsLa parola d’ordine dev’essere PRAGMATISMO.

Non è vero che per frenare il riscaldamento globale dovremmo cambiare radicalmente il nostro stile di vita.

Quello che dobbiamo fare è alla nostra portata, ed è scritto nei rapporti elaborati dal Gruppo Intergovernativo sui Cambiamenti Climatici: entro undici anni dovremmo ridurre della metà le emissioni di CO2, metano e N2O (più alcuni altri gas) rispetto a i livelli del 2017, e poi portarle a zero entro altri trenta anni.

Ciò si ottiene (1) utilizzando principalmente (non esclusivamente) sistemi energetici a basse emissioni di carbonio, come quelli basati su energia eolica, solare, geotermica, nucleare, idroelettrica, ecc; (2) modificando alcune politiche agroalimentari e di allevamento; (3) catturando CO2 nell’atmosfera e pompandola sottoterra o modificandola per renderla inoffensiva.

Un approccio pragmatico è di gran lunga preferibile a un approccio radicale. Gli approcci radicali e ideologici provocano aspre reazioni popolari, manicheismo, discussioni politiche senza fine e in definitiva inazione.

E un approccio pragmatico consiste nel focalizzare l’attenzione innanzitutto sugli aspetti più rilevanti del problema:

(A) Assistiamo a estenuanti discussioni, nei media e in politica, su auto elettriche e edifici intelligenti. Ma il grosso del problema è altrove. Il 70% delle emissioni di gas serra sono dovute a (a) produzione di energia elettrica, (b) agricoltura, allevamento, silvicoltura e altri usi del suolo, (c) produzione industriale. Concentriamoci su questi primi, entro il 2030, con magari un focus meno ossessivo sui trasporti (14% delle emissioni), edifici (6%) e altre fonti (10%).

(B) Sette paesi più l’UE generano due terzi delle emissioni da combustibili fossili. Sembra ovvio che gli sforzi politici dovrebbero concentrarsi soprattutto lì, con un’attenzione minore agli altri 200 paesi.

(C) L’industria è responsabile del 25% delle emissioni totali di gas serra. Addirittura, 90 imprese sembrano aver prodotto da sole il 63% di CO2 e metano introdotti dalle attività umane nell’atmosfera dal 1854 al 2010. Si tratta di 50 aziende di proprietà di investitori privati, 31 società di proprietà statale, e 9 stati-nazione: tutti producono petrolio, gas naturale, carbone e cemento. L’autore dello studio ha osservato che i massimi dirigenti di tutte queste entità occuperebbero solo un paio di autobus se si riunissero per parlarne…

Ancora pragmatismo. Prendiamo i Gilet Gialli, partiti dalla protesta per un piccolo aumento del prezzo della benzina. I governanti saggi sanno che, se si vuole introdurre una tassa per motivi ecologici, occorre abbassare approssimativamente di un importo uguale alcune altre tasse sulle stesse coorti di cittadini .

A volte si può evitare del tutto la tassa ecologica: ad esempio, riducendo il limite di velocità del 10% si otterrebbe una discesa esponenziale delle emissioni. Si potrebbe anche, e forse è questa la singola misura più utile, incentivare le persone a sbarazzarsi di quel 25% di veicoli a motore che producono due terzi delle emissioni.

Oppure si può combinare le tre misure, la tassa, il limite di velocità, gli incentivi, per raggiungere un obiettivo globale. Sembrano, sono, cose facili da fare. E senza dare la stura a grandi dibattiti sul futuro della civiltà.

E non è che un esempio. Un pragmatismo simile può essere adottato sulla produzione di carne e quella di oli alimentari, sulle fonti rinnovabili di energia, o su incentivi economici per la “decarbonizzazione”.

La roboante retorica di una revisione apocalittica dello stile di vita, in Occidente o in Oriente, può essere utile per attirare l’attenzione sul problema e in qualche modo utile per fissare obiettivi molto generali, identificando le forze politiche in gioco. Ma per quanto riguarda il da farsi, le risposte sono davanti al nostro naso e alla portata.

Mi accorgo che molti non sanno nulla del riscaldamento globale. La questione è in realtà alquanto semplice da spiegare.

La temperatura della superficie terrestre ha attraversato numerose altalene. Da alcuni decenni, però, l’evidenza paleoclimatica indica che l’aumento di temperatura in atto adesso è circa dieci volte più rapido della velocità media dei riscaldamenti avvenuti alla fine delle ultime sette ere glaciali.

gton30A ciò si è aggiunta l’osservazione di un veloce e, nell’intensità, inedito aumento della presenza di anidride carbonica (CO2) nell’atmosfera.

Proprio da queste due principali constatazioni partì la discussione scientifica sul riscaldamento globale in atto, con controversie che si sono spente all’incirca dopo il 2005. I negazionisti, oggi, fanno ancora circolare le tesi degli studiosi che 25-30 anni fa non erano d’accordo sull’origine antropica del riscaldamento globale. E quelle tesi erano rispettabilissime allora. Ma sono state in seguito confutate e superate.

La famosa CO2 c’entra per la ragione seguente. I “gas serra” abilitano la nostra vita sul pianeta. Senza di loro, la radiazione solare terrebbe la temperatura media della superficie terrestre a soli -18°C; sono invece proprio i gas serra a impedire alla gran parte del calore di venire riflessa verso lo spazio, e così quella temperatura sta intorno ai +15°.

Ossia: minuscole e pressoché invisibili molecole di vapor acqueo (soprattutto) e di gas, come il CO2, consentono la presenza dell’uomo sulla Terra.

Purtroppo, da molti decenni questo provvidenziale effetto serra si è guastato per via di extra emissioni di alcune di quelle molecole, specie CO2, metano ed N2O, causate da deforestazione, agricoltura, allevamento e soprattutto combustione di carbone e petrolio.

Con appena un terzo di quelle molecole gassose in più, l’effetto serra ha accelerato in modo abnorme e sta scaldando troppo la superficie terrestre, soprattutto dal 1975-1980 in avanti.

L’analfabeta del mese

Pubblicato: 22 gennaio 2019 da Paolo Magrassi in consumatori
Tag:,

neandL’analfabeta digitale del mese è Lombardia Informatica Spa.

In Lombardia abbiamo la Carta regionale dei Servizi. Il suo numero serve anche come login per accedere al proprio fascicolo sanitario online e farci un sacco di cose utili.

Certo, nessuno, neppure il mio medico che pure è giovane, ha mai usato la mia tessera né guardato il mio fascicolo sanitario online, e in pratica la card viene usata solo dagli amministrativi (di ospedali, case di cura, studi medici, e uffici di ogni genere, come sportelli bancari o commercialisti) e solo per desumerne il codice fiscale. NB: Lombardia informatica conta tutti quegli accessi come se fossero effettivi utilizzi di fascicoli sanitari, vantandone il successo. Ma non si capisce se c’è o ce fa

Insomma, la Carta dei Servizi lombarda sembrerebbe quasi inutile. Eppure io ne sono felice: abbiamo il fascicolo sanitario online, il potenziale è là! Non ci resta che capirlo, e sfruttarlo per vivere tutti meglio, medici e cittadini, anziché limitarci a mugugnare. E’ la digitalizzazione, bellezza!

Ci sono tuttavia alcuni piccoli ostacoli, che spetta alla Regione di superare…

Per esempio, è vero che la maggior parte delle persone non sa scegliere una password, ma per aggirare il problema i progettisti si sono lasciati prendere la mano da un’ossessione di sicurezza adatta non a un’applicazione sanitaria bensì ai Servizi Segreti, e destinata a ottenere effetti opposti a quelli che si prefigge.

Per fare login da un pc, non bastano (1) le dieci cifre (!!!) del numero della Carta e (2) la password (di quelle stupide, coi caratteri strani): serve anche (3) un codice usa e getta che loro ti mandano sul telefonino, e che consta di ben otto cifre. E’ come se dovessimo avviare un drone da combattimento della CIA.

In online banking puoi fare un bonifico da €99.000 con degli usa-e-getta di 5-6 cifre, e se vuoi solo vedere il tuo estratto conto, senza modificarlo, bastano login e password. Se invece voglio anche semplicemente vedere il mio fascicolo sanitario, mi si chiede l’usa-e-getta oltre a tutto il resto… Perdipiù, il livello di sicurezza non può essere fissato in parte dall’utilizzatore: è prestabilito da loro, al livello massimo possibile. Il contrario della usabilità.

Poi: la password regionale ti scade ogni sei mesi. Non solo: sullo smartphone, ogni volta che la Regione invia un aggiornamento della app, bisogna ripercorrere per intero il noioso processo di autenticazione (cosa che non accade, per esempio, alle mie app di online banking. O a quella di Amazon. O a quelle di email).

La app Salutile/Ricette serve per stampare le ricette “elettroniche” (😂) e portarle in farmacia. La app, che non è in grado di utilizzare l’accesso biometrico dello smartphone né sa se esso è almeno protetto da una password, pretende una sua password per essere utilizzata sul mio iPhone. Che è un codice numerico di otto cifre, naturalmente diverso dalla password che usi per accedere al fascicolo sanitario via pc.

Non solo: quel codice scade ogni tre mesi. Risultato? Per non dimenticarlo (la app si usa di rado, com’è ovvio), io lo devo scrivere nell’iPhone ogni volta che lo rinnovo (aggiungendo 1 al numero precedente).

Una password dovrebbe essere memorabile per l’utente e difficile da indovinare per il pirata. Scrivere le password, e generarne di nuove che somigliano alle precedenti, è il contrario della sicurezza. Ma a questo mi costringe il vetusto e angusto software di Lombardia Informatica. Non solo. Per antica consuetudine di vecchio informatico diffidente, io mi segno il codice in forma crittografata, e questo aggiunge un pochino alla rottura di scatole, ravvivando in me, a ogni utilizzo, un antipatico ricordo degli autori.

jbInsomma: per aiutare questa utile innovazione a diffondersi tra cittadini e medici,  cosa che non sta succedendo dalla sua introduzione molti anni fa (quando per usarla era addirittura necessario comprare un apposito lettore di smart card!!!), sarebbe tempo che la gestione del software venisse trasferita da James Bond a qualcuno che sappia di applicazioni nel mondo reale.

(PS: Ho scritto queste cose a Lombardia Informatica e loro mi hanno risposto che la legge gli impone di comportarsi così. Strano. Non ho contezza di leggi che fissino forma e lunghezza delle password. E l’uso dell’autenticazione a due fattori è stato introdotto da organismi finanziari come la BCE, che non incoraggiano a inviare usa-e-getta di otto cifre per accedere in sola lettura ai propri dati.)

fiat-panda-4x4-noleggio-a-lungo-termine-728x452L’Automobile Club tedesco, Adac, ha da poco pubblicato i risultati dei suoi test ecologici sui modelli di auto 2018, test che si spingono molto più in profondo, quanto a cura e precisione, rispetto ai formalismi delle classificazioni “Euro”, per conseguire le quali bastano prove di laboratorio senza connotati di praticità stradale.

Le cinque stelle ecologiche Adac sono state ottenute da sette modelli di auto, tutte elettriche tranne una: la Panda 0.9 Twinair Natural Power. La Panda bifuel gas/benzina è davanti, per dire, a Tesla Model X, Jaguar iPace e Toyota Yaris Hybrid.

La classifica di Adac infatti si sforza di prendere in considerazione la globalità dei fattori: di un veicolo elettrico, per esempio, stima anche gli inquinanti emessi dai camini delle remote centrali elettriche che lo ricaricheranno. (La stessa cosa fa il Governo di Singapore da qualche anno, per calcolare ecotasse e incentivi sul parco circolante).

Il problema climatico (NB: un caso particolare del problema ecologico) si affronta seriamente innanzitutto con soluzioni tattiche e pragmatiche, implementabili qui e ora, che devono certo poggiare su visioni strategiche di fondo ma contenere tanta risolutezza e poco latinorum.

Dunque, non «modificare entro il 2060 la matrice energetica del pianeta» o «convertirsi a un nuovo modello di sviluppo» o «Milano zero emissioni nel 2030» (tutte chiacchiere destinate a essere disattese) o premiare ciecamente solo i veicoli elettrici: bensì operare chirurgicamente azioni mirate e sùbito utili.

Gli interventi sui divieti di circolazione operati a fine 2018 da alcune regioni italiane del nord vanno bene, anche se dovrebbero essere più severi (perché libera circolazione agli ecologicamente orribili furgoni commerciali?) e accompagnati da incentivi più allettanti.

E bene le ecotasse e gli incentivi attuati in questi giorni dal Governo: ma perché non c’è la Panda bifuel?

E cosa aspettiamo a ridurre un poco i limiti di velocità (con conseguente risparmio ecologico più che proporzionale), come si sta facendo in tutti i paesi avanzati?

E magari a installare un paio di impianti nucleari EPR nei prossimi dieci anni, dopo esserci sbarazzati degli assurdi vincoli indotti da quel grullissimo referendum populista?

Luoghi comuni, oltre il PIL

Pubblicato: 11 dicembre 2018 da Paolo Magrassi in Politica e mondo
Tag:, ,

Joe Stiglitz torna sulla, a mio parere urgente, questione dell’andare oltre il PIL, ma lo fa senza lasciare veramente il segno. e limtandosi ad autocitarsi, da trombone qual è diventato.

Così già fu in passato, quando il presidente Sarkozy lo cooptò nella commissione divenuta poi nota come Stiglitz-Sen-Fitoussi, con l’incarico di mettere a punto metriche e linee-guida per aiutare il governo francese e poi il mondo ad andare oltre la semplicistica rilevazione del PIL per misurare il progresso.

E’ un tema di cui si parla da mezzo secolo, dopo un famoso discorso di Bob Kennedy. Ma non se ne esce. Perché? Perché, come temo di avere ripetuto qui già parecchie volte, la qualità della vita è un concetto politico, fortemente influenzato dalle condizioni sociali di chi ne parla. Non è lo stesso per tutti. Non può essere stabilito in modo dirigista da un’Autorità superiore.

L’aria pulita è un valore fondamentale e primario per società sviluppate e ricche, ma non importante per i paesi emergenti poveri. La qualità del sistema universitario è importante per le famiglie che potranno usufruirne ma non conta un fico secco per l’autista peruviano di Amazon, schiavo immigrato. Trasporto pubblico e piste ciclabili sono valori onorati nelle classifiche dei magazines, ma irrilevanti per ci viaggia con lo chauffeur o per i gilet jaunes.

E così via per ogni criterio che possiamo farci venire in mente e scrivere sui libroni dell’Ocse e dell’Onu.

Quindi, per andare oltre il PIL il mondo (Ocse, Onu, FMI, World Bank, ecc.) dovrebbe intanto concordare una serie di parametri (e qui già abbiamo molto materiale). Poi, ogni paese, ogni anno, dovrebbe assegnare pesi a ciascun parametro di questo tipo per ottenere il proprio NuovoPIL annuale. Servirebbe un consenso globale sia sui metodi per misurare i parametri, sia sulla elasticità concessa nell’attribuzione dei pesi: e questa è la parte difficile.

A fine di ogni anno, potremmo vedere il progresso di ogni paese e del mondo misurato con un solo indice normalizzato, come il PIL. Sarebbe bello. E utile, per orientare le azioni future e smetterla di parlare soltanto di ragioneria.

impostures-intellectuellesSono stato divertito, poi inorridito e infine immalinconito dalla lettura di Fashionable Nonsense: Postmodern Intellectuals’ Abuse of Science, in cui i fisici Alan Sokal e Jean Bricmont passano in rassegna le assurdità scritte su argomenti scientifici da intellettuali francesi che raccolsero grande successo sia mediatico sia accademico all’epoca del «nebuloso Zeitgeist che abbiamo chiamato “postmodernismo”», per usare le parole degli autori.

Per mia colpa e disonore, il libro ha raggiunto la mia attenzione solo oggi, più di vent’anni dopo la prima pubblicazione in francese nel 1997.

Dalla fine degli anni Sessanta ai primi anni Novanta, gli autori francesi Gilles Deleuze, Félix Guattari, Jacques Lacan, Julia Kristeva, Luce Irigaray, Bruno Latour, Jean Baudrillard, Paul Virilio e molti dei loro discepoli a volte religiosamente devoti scrivevano lunghe pagine senza senso nel maldestro tentativo di importare (inutilmente) concetti matematici e fisici nelle loro discipline, come la psicoanalisi, la linguistica o la filosofia.

Così facendo, essi dimostrarono una conoscenza superficiale e spesso superata della maggior parte dei termini impiegati (parliamo di paroloni come ad es. funzione, ascissa, caos, infinito, velocità, topologia, costante universale, cardinali transfiniti, numeri irrazionali, numeri immaginari, teoremi di Gödel, serie di Taylor, geometria di Riemann o euclidea, …). Ma la naïveté scientifica non impedì loro di infarcire molti dei propri scritti, compresi i più importanti e celebrati, con abbondante terminologia con pretese di scientificità.

Forse lo facevano con la genuina intenzione di mostrare l’applicabilità di taluni concetti scientifici nelle loro discipline. In tal caso, però, avrebbero dovuto come minimo spiegare (se non dimostrare) tale presunta applicabilità. Ma non l’hanno mai fatto.

Date un po’ un’occhiata a questo PDF del libro o, come vi suggerisco caldamente, procuratevi una copia in biblioteca o libreria, e, horribile visu, guardate coi vostri occhi

>>> Lacan vaneggiare di “topologia psicoanalitica” (pagine 19-24); confondere numeri irrazionali e numeri immaginari (25); scrivere formule ridicole (inducendo gli autori a sospettare che egli stia semplicemente prendendo in giro il lettore, pagina 26); costruire un collegamento immaginario tra logica matematica e linguistica (30); ed essenzialmente mostrare un’erudizione assai superficiale che meglio avrebbe fatto a nascondere (36);

>>>Deleuze e Guattari proferire parole come “caos”, “ascissa”, “funzione” o “acceleratore di particelle” in totale dispregio dei loro rispettivi significati scientifici e senza alcuno scopo diverso da uno forse metaforico che tuttavia non spiegano (pagine 156-157); ignorare l’evoluzione dell’analisi infinitesimale nei due secoli precedenti (160-161); delirare sulla biologia (166-167):

>>> Kristeva confondere l’insieme [0,1] della logica booleana con l’intervallo [0,1] della retta reale (pagine 39-40); applicare allo studio dei testi poetici, senza offrire alcuna giustificazione sia essa letterale o metaforica, l’assioma della scelta dell’insiemistica, di cui mostra di saper quasi nulla (43-44); e in definitiva «tentare di impressionare il lettore con parole stravaganti che evidentemente non capisce» (pagina 48).

>>> Irigaray pensare che Einstein fosse interessato a “accelerazioni senza riequilibrazioni elettromagnetiche” (un concetto senza senso, pag 107); confondere Relatività speciale e Relatività generale (107); sostenere che E=mc2 è una “equazione sessista” perché “privilegia la velocità della luce rispetto ad altre [imprecisate, NdT] velocità che sono vitali per noi” (109); vaneggiare di meccanica dei fluidi (110-116); pasticciare con l’abc della logica matematica (117-120);

>>> Latour discettare di Relatività senza capire il concetto di sistema di riferimento (125-128); e chiudere un suo saggio pasticciato sul tema affermando di avere “insegnato qualcosa” ad Einstein (130).

Una volta colte colle mani nella marmellata, le star “postmoderniste” risposero che la terminologia scientifica nei loro scritti è usata metaforicamente e non dovrebbe essere presa alla lettera. Poi, messi alle strette, arrivavano al punto di affermare che i loro testi non erano né letterali né metaforici e che i critici provenienti dalla “scienza dura” semplicemente non avevano gli strumenti culturali per capirli.

Ma che tristezza, amici! Se avete fatto il primo biennio di matematica o fisica o chimica o ingegneria, o semplicemente avete alle spalle un buon liceo scientifico, risolverete quella polemica, ahinoi, molto semplicemente: vi basterà leggere le pagine che ho indicato sopra … Fatelo. E poi chiedetevi, con me: che bisogno c’era, di scrivere quelle fesserie? Come può una persona colta degradarsi a tal punto?

I difensori delle stelle si risolsero infine a dire che il libro di Sokal e Bricmont faceva parte di un più ampio attacco conservatore americano agli intellettuali francesi di sinistra. Vabbè… Ma che tristezza, amici, che delusione (La mia Parigi dei Settanta 😢)! A chiunque sappia distinguere una serie di Taylor da un hamburger, risulta evidente, dopo aver letto quegli obbrobbrii, che anche se il libro fosse stato fabbricato furtivamente a Langley, i testi originali in esso contenuti non sono mai stati rinnegati: cioè, la CIA potrebbe aver inventato il commento, ma il testo francese di origine è lì per noi da contemplare, purtroppo.horror La Logique du sens di Deleuze o i séminaires di Lacan non sono mai stati ripubblicati previa rimozione delle stupidaggini pseudoscientifiche. Vien da piangere.

Gli autori Sokal e Bricmont furono colpiti dal fatto che quegli intellettuali non si fossero preoccupati di offrire spiegazioni circa il come i vari concetti scientifici che essi sollevavano potessero essere applicati alle loro discipline: in che modo, quegli strumenti delle scienze “dure” potrebbero risultare utili in psicoanalisi, in linguistica, in critica letteraria? Nessuno lo ha mai chiarito.

Da parte mia, sono invece rimasto scioccato dal fatto che qualcuno che abusa di concetti sui quali non sa nulla e li infila in testi finalizzati a épater le bourgeois possa non solo diventare famoso nei media ma anche conquistare cattedre nelle principali università parigine. O forse questi eccessi sono finiti, dopo la furia degli anni Settanta? Non lo so più.

E poi, la domanda delle domande: si tratta di occasionali scivoloni, infortuni che occorrono a chiunque, grandi compresi, anche per iscritto, e che non macchiano l’opera omnia?

Che diamine. Abbiamo sempre saputo che gente come Lacan o Deleuze non si occupavano di scienza, ma che importa? Ciò non gli impediva di essere importanti e profondi comunque. Io amo e per quel che posso coltivo la scienza, ma scientista non sono. Sospetto, con Polonio, che il Vero possa essere un Mentitore; con Dylan, che la Verità sia un discorso da ubriachi; con Amleto, che ci siano più cose in cielo e in terra, di quante ne sogni la filosofia. Epperò: uno che può essere cialtrone studiato per 50 pagine, può essere credibile per le restanti 250?

E: se essi dopo il libro qui in oggetto non hanno fatto un po’ di retromarcia, significa (a) che credevano veramente alle corbellerie che avevano scritto oppure (b) che erano così glorificati e supponenti da ritenersi al riparo da una critica radicale? E poi Barthes, Derrida, Foucault, che li incensavano per quelle opere gravide di stupidaggini? Mio Dio 😱

Post scriptum: La storica della fisica Mara Beller scrisse (su Physics Today nel 1999) che non è del tutto giusto incolpare i filosofi postmoderni di aver tratto conclusioni senza senso dalla fisica quantistica, dal momento che molte di quelle conclusioni furono tratte anche da alcuni insigni fisici quantistici, come Bohr o Heisenberg quando si avventurarono in filosofia. E’ vero. Ma né Bohr né Heisenberg ebbero fama e posizioni accademiche per aver scritto assurdità: iniziarono a dare i numeri dopo essere diventati leggende …

ignorants

Ancora nessuno che, dopo l’uscita del grande scienziato politico Beppe Grillo, si prenda la briga di “studiare” almeno con Google la famosa questione del sorteggio dei parlamentari!

Scoprirebbero che sul tema ci sono importantissime opere italiane da citare.

Per esempio e per restare al presente, Democrazia a Sorte. Ovvero la sorte della democrazia (Malcor D’ Edizione 2012), di M. Caserta, C. Garofalo, A. Pluchino, A. Rapisarda, S. Spagano.

Opera (basata su un precedente lavoro scientifico) che, a differenza di tutte le altre tirate in ballo in questi giorni, non si limita a filosofeggiare ma utilizza anche un modello matematico.

Simulando con agenti un parlamento virtuale, gli autori immaginano di introdurre una componente di deputati selezionati a caso, per sorteggio, tra tutti i cittadini, che faccia da ago della bilancia tra i due schieramenti di maggioranza e minoranza. E ritengono di avere dimostrato che esiste un numero ottimale di questi deputati indipendenti dai partiti in grado di massimizzare l’efficienza del parlamento.

Caserta e Spagano sono economisti; Rapisarda e Pluchino, fisici; Garofalo, sociologo.

CCleaner and Avast: watch out

Pubblicato: 2 maggio 2018 da Paolo Magrassi in consumatori
Tag:, , ,

imageCCleaner proposed me to install a new version. Such suggestions are usually either genuine software updates or (understandable) attempts to have you upgrade to the professional version from the free version.

In this case, however (second half of April, Windows 10), it was a trick aimed at installing Avast antivirus free.

Having run many times in the past the routine for CCleaner software update, I clicked so quickly that I did not realise the option “Install Avast free antivirus” was pre-ticked. In other words, I was supposed to carefully opt out from a choice already made for me by CCleaner.

Damn!

Uninstalling annoying Avast software was a pain in the neck, entailing the download of their specific uninstaller, the restart of Windows in Safe Mode, and all that crap.

Beware when CCleaner proposes you the next version update.