Tra trote e alamanni…

Pubblicato: 24 giugno 2011 da Paolo Magrassi in Luoghi comuni, Politica e mondo
Tag:, , ,

Certo, è deprimente vedere i leghisti all’assalto di Roma: proprio loro che, pur essendone dubbiamente degni, vi si sono installati così comodamente da volerne ora costruire una piccola replica in quel di Monza…

Beninteso, anche i romani non stanno benissimo, visto che come sindaco si sono scelti il non autorevolissimo Gianni Alemanno, che fece campagna elettorale con le frottole sulla “sicurezza” (che comunque oggi è la stessa di allora).

Il sindaco Alemanno dovrebbe scegliere più oculatamente i suoi argomenti propagandistici. Ad esempio, pur di difendere la tesi secondo la quale non si dovrebber pagare il pedaggio sul G.R.A., arriva a sostenere che non si tratta di autostrada, raccordo o tangenziale, bensì di “strada interna” alla metropoli.

Sappia, Gianni Alemanno, che secondo l’Ocse e non secondo qualche scimunito leghista l’area metropolitana di Milano è, con 7.4 milioni di abitanti, la quinta d’Europa (davanti a Roma di 7 posizioni).

Entro quell’area scorrono, fra le altre cose, le due tangenziali e tante altre strade a pedaggio: non si ricordano, a memoria di cinquantenne, particolari piagnistei o sollevazioni in occasione dell’istituzione, ormai remotissima, di detti pedaggi.

I commenti sono chiusi.