Il cielo stellato sopra di me

Pubblicato: 5 luglio 2012 da Paolo Magrassi in Scienza
Tag:, , , ,

A dispetto della sua insopprimibile vocazione pop, proviamo grande affetto per Margherita Hack, rabbino della cultura laica.

Però, dopo la sua uscita di oggi (“Il bosone di Higgs è Dio“), vorremmo ricordarle che il grande Frederick Sanger, l’unico vivente a detenere due Premi Nobel e il solo di sempre a vincerne due per la chimica, è andato in pensione a 65 anni esatti per evitare di “entrare nello studio di un collega di Istituto e ripetergli una cosa detta magari il giorno prima”.

Il bosone di Higgs non è Dio perché, se lo fosse, sarebbe un dio pro tempore e non è esattamente questo l’intendimento che si ha della divinità.

Il bello della scienza, infatti, è il suo essere in movimento: se non sapessimo che le nostre conoscenze sono parziali e fallaci, smetteremmo di ri-cercare e diventeremmo per l’appunto religiosi. Un bel giorno getteremo alle ortiche il Modello Standard, e il bosone con lui, e tireremo innanzi, più contenti di prima. Senza cantare Dio è morto.

Oggi nonna Hack non ha reso un buon servizio alla cultura, diffondendo un pregiudizio (l’infallibilità della scienza) nel quale ella stessa, da lucida, non crede.

Annunci

I commenti sono chiusi.