Chiù ‘ppilu pi’ttutti!

Pubblicato: 24 maggio 2014 da Paolo Magrassi in Politica e mondo
Tag:, , ,

maestrinaIn un impeto di populismo da politicante pura, la ministro ha annunciato sotto elezioni l’intenzione di abolire il test di ingresso a Medicina.

Davanti alle promesse elettorali, gli argomenti razionali non valgono nulla.

Inutile, dunque, ricordare alla signora che l’Italia necessita di iniezioni di merito, non di bamboccionismo.

Pleonastico farle presente che, stando alle statistiche (e al buon senso), i candidati che superano il test tendono a essere quelli che hanno studiato.

Futile precisare che i manuali per prepararsi alla prova constano di 120-130 pagine, mentre al primo anno di medicina si incontrano 8-10 esami, alcuni dei quali con libri da 1000 pagine: secondo voi, uno che non passa la prova da 130 pagine, che possibilità ha di passare quelle da 1000?

Tempo perso informarla che, senza il test di ammissione, nelle aule del primo anno si riverseranno dieci volte più studenti di adesso, andando ad abbassare drammaticamente la qualità del lavoro di tutti.

A lei interessano solo le decine di migliaia di voti di coloro che non hanno passato l’esame quest’anno e delle relative famiglie. Non le importa perdere il voto di chi crede nel merito e nella necessità di dire pane al pane ai giovani: e forse ha ragione lei, perché alla seconda categoria, in Italia, al di là delle chiacchiere sembrano appartenere pochissimi individui.

(Fragoroso, e dunque forse rivelatore, il silenzio di Matteo Renzi al riguardo).

commenti
  1. […] Chiù ‘ppilu pi’ttutti! […]