TTIP: Noio vulevòn savuàr

Pubblicato: 28 ottobre 2016 da Paolo Magrassi in consumatori, Luoghi comuni, Politica e mondo
Tag:,

Com’è possibile divertirsi con un argomento noioso come il Transatlantic Trade and Investment Partnership?! Be’, basta leggere la stampa italiana.

La cosa che diverte di più, oltre alle baggianate sugli OGM, sul bio e sulla difesa del consumatore (che in USA è molto più profonda che qui) è la pretesa “segretezza” delle trattative.

Ora, a parte il fatto che durante una negoziazione nessuna parte vuol far sapere all’altra per iscritto su cosa esattamente sarebbe disposta a cedere, sicché nessuna trattativa diplomatica, mai, avviene interamente alla luce del sole; a parte quel fatto, se andate a questa pagina web vi si aprirà un mondo di link che vi porteranno a spasso attraverso un’immensa e dettagliata documentazione.

noio-voulevon-savuarDi questa documentazione, in gran parte disponibile solo in inglese, i media (e i politici) italiani sono totalmente all’oscuro. Si sono letti articoli di giornale e persino lunghi saggi, in italiano, che dimostravano completa e smaccata ignoranza di quella documentazione -che costituisce gli argomenti di discussione nel TTIP.

Per colpa di occhiute multinazionali? Ma va’ là! Per colpa della nostra totale ignoranza dell’inglese.

I commenti sono chiusi.